Cerca
  • I Salotti di Serendipity

Il tè delle 5 fatto di noci e romanzi...

oggi la nostra pausa pomeridiana è arricchita da una torta di noci e da un romanzo di Kathryne Stockett: The Help edito da Mondadori.

LA RICETTA

130 g di gherigli di noci / 80 g di farina 00 / 100 g di burro / 100 g di zucchero /

2 cucchiaini di lievito per dolci / 2 uova medie.

PROCEDIMENTO per fare la vostra torta alle noci

Sgusciate le noci tritatele finemente insieme a 30 grammi di zucchero. Lavorate lo zucchero che rimane con il burro fin quando il composto diventa cremoso, aggiungete le uova una alla volta perchè si amalgamino bene all'impasto, aggiungere il trito di noci e zucchero.

Infine aggiungere la farina e il lievito per dolci e lavorare il tutto per 5 minuti, versate il tutto in uno stampo di 20 cm di diametro che avete precedentemente unto o imburrato ed infarinato e infornate a 180° in forno statico per circa 40 minuti (prova stecchino mi raccomando).

TRAMA del romanzo

Siamo nell’estate del 1962 quando Eugenia “Skeeter” Phelan torna a vivere in famiglia a Jackson, in Mississippi, dopo aver frequentato l’università lontano da casa. Skeeter è molto diversa dalle sue amiche di un tempo, già sposate e perfettamente inserite in un modello di vita borghese, e sogna in segreto di diventare scrittrice. Aibileen è una domestica di colore. Saggia e materna, ha allevato amorevolmente uno dopo l’altro diciassette bambini bianchi, facendo le veci delle loro madri spesso assenti. Ma il destino è stato crudele con lei, portandole via il suo unico figlio. Minny è la sua migliore amica. Bassa, grassa, con un marito violento e una piccola tribù di figli, è con ogni probabilità la donna più sfacciata e insolente di tutto il Mississippi. Cuoca straordinaria, non sa però tenere a freno la lingua e viene licenziata di continuo. Sono gli anni in cui Bob Dylan inizia a testimoniare con le sue canzoni la protesta nascente, e il colore della pelle è ancora un ostacolo insormontabile. Nonostante ciò, Skeeter, Aibileen e Minny si ritrovano a lavorare segretamente a un progetto comune che le esporrà a gravi rischi. Il profondo Sud degli Stati Uniti fa da cornice a questa opera prima che ruota intorno ai sentimenti, all’amicizia e alla forza che può scaturire dal sostegno reciproco. Kathryn Stockett racconta personaggi a tutto tondo che fanno ridere, pensare e commuovere con la loro intelligenza, il loro coraggio e la loro capacità di uscire dagli schemi alla ricerca di un mondo migliore.

*

Un tema non semplice da trattare senza cadere nel banale, quello del razzismo. Eppure lo stile scorrevole e la forte ironia dell’autrice lo rendono un romanzo coinvolgente e soprattutto ricco di personaggi indimenticabili: la narrazione si alterna tra i punti di vista di Skeeter, Aibileen e Minny. Skeeter incarna un’emancipazione femminile, perché non segue gli stereotipi sociali, secondo i quali dovrebbe preoccuparsi di trovare un marito (come le amiche), ma preferisce inseguire il proprio sogno di scrittrice. Qui entrano in gioco le altre due protagoniste, domestiche di colore inconsapevoli di avere qualcosa da raccontare.

Inoltre la trama originale offre spunti di riflessione e richiama la situazione americana degli anni Sessanta, descrivendo una società incapace di capire come bianco e nero non rendano una persona più o meno umana.

E' stato fatto pure un film diretto da Tate Taylor e interpretato da Emma Stone, Viola Davis, Bryce Dallas Howard, Jessica Chastain, Octavia Spencer, Allison Janney e Sissy Spacek.



3 visualizzazioni